L’Ultimo Cantore: Isaac Bashevis Singer (II)

Singer2

…La vita cambia radicalmente per Isaac. Continua il suo allontanamento dai costumi chassidici. Ha una relazione, la prima di una certa serieta’ con una donna più grande di lui: Gina Halbstark. Nel 1925 scrive il racconto In the World of Chaos, in cui il protagonista e’ un cadavere che non sa di essere morto. A questo seguono altri racconti, tra cui Oyf Der Elter (In Vecchiaia). Prende  a fare traduzioni di opere importanti della narrativa moderna , come Pan di Knut Hamsun, Romain Rolland  di Stefen Zweig e Niente di Nuovo Sul Fronte Occidentale di Enrich Maria Remarque.

Nel 1934 esce a puntate sul periodico Globus, quello che poi diventera’ il suo primo e unico romanzo pubblicato in Europa e che restera’ uno come uno dei suoi piu’ belli: Satana a Goray. La critica che riceve e’ senza dubbio positiva, anche se qualcuno lo accusa di non aver presentato gli ebrei sotto una buona luce specialmente in un momento di pericoloso antisemitismo.

Il 1935 diventa l’anno della svolta nella per Singer. Lascia la Polonia, dove l’aria iniziava a diventare pesante per gli ebrei, cosi’ come in molti altri paesi europei, ed emigra negli Stati Uniti su invito del fratello Israel, che l’anno prima era divetato redattore del quotidiano americano-yiddish Jewish Daily Forward. Partendo, oltre alle ansie e ai timori per il suo futuro, Isaac lascia Runya, la donna da cui aveva avuto il suo unico figlio: Israel. Anche se madre e figlio gia’ vivevano nell’Unione Sovietica, dove Runya, fervente comunista si era rifugiata. Lei in seguito si sposera’ con un commerciante ebreo e andra’ a vivere in Israele, mentre il figlio diventera’ giornalista e traduttore di alcune delle opere di suo padre.

Ma la vita negli Stati Uniti come per molti altri emigranti all’inizio non si presenta facile.  Arrivato con un semplice visto turistico, Singer ha grossi problemi di ambientamento oltre che di carattere legale. Subisce insomma un vero e proprio shock culturale. In seguito dira’ “…avevo l’impressione di aver perso le mie radici e di non poter piantarne altre in questo paese…”. Anche la sua vena creativa segna il passo. Sul Forward pubblica solo qualche articolo e usa spesso gli pseudonimi di Isaac Warshawasky o David Segal. Addirittura non riesce a completare il romanzo iniziato a Varsavia; Messias the Sinner, mente il fratello piu’ grande con l’eccellente romanzo I Fratelli Ashkenazi raggiunge la fama letteraria. I suoi parenti che erano rimasti in Polonia vengono deportati e moriranno di assideramento e stenti.

Nel 1937, durante una breve vacanza suoi monti Catskill, Singer incontra un’emigrante tedesca, sposata e madre di due bambini: Alma Wassermann. Isaac e Alma inizieranno una relazione clandestina che terminera’ con il loro matrimonio qualche anno dopo. La Wassermann sara’ una presenza molto importante a fianco di Singer che come lei stessa ha ammesso una volta, non aveva un carattere facile.

Di li’ a poco entra a far parte dello staff regolare del Forward e riprende a scrivere. Purtroppo nel 1944 a soli cinquant’anni muore d’infarto il fratello. la scomparsa di Israel ha su Singer un doppio effetto. Se da un lato egli piange la scomparse del suo maestro e padre spirituale, dall’altro avverte la liberazione di quel senso d’inibizione che il celebre fratello involontariamente gli causava.

Gli giunge una nuova ispirazione e scrive alcuni racconti lunghi racconti: Zeidlus il Papa, Dal Diario di Un Non Nato, La Distruzione di Kreshev. Chi leggera’ questi racconti non riesce a capacitarsi, pur se scritti in modo magistrale, a chi possano interessare quelle storie piene di spiriti e demoni in una Polonia sparita che non esiste piu’. Eppure, nonostante lo scetticismo, i suoi lavori iniziano a prendere piede tra i lettori, lanciando chiari segnali del successo che di li’a poco arrivera’…

(continua)

Advertisements

33 Comments

Filed under Europe, Europe, Stati Uniti, Uncategorized

33 responses to “L’Ultimo Cantore: Isaac Bashevis Singer (II)

  1. Un’uomo molto interessante. Però devo dire lui mi piace il più per quanto riguardo il suo vegetarianismo (giusto?) anche le sue parole sull’oggetto …

  2. Luna Arjuna

    just understand the reason for being a vegetarian….and can only agree.

  3. Mi interessa molto leggere di Singer di cui ignoravo la biografia.
    Alla prossima , e grazie mille,

  4. Thank you so much for this amazing lecture. Absolutely delighted to have been able to understand and “feel” most of it, even though I am Romanian by birth, but a bit of a polyglot, with French amongst others. I am very fond of my own people’s lives, as we carry not only thoughts but bits and pieces of our own collective, scattered history…
    I particularly could identify with his inability to replant himself somewhere, being myself an immigrant having twice moved countries, but still without firm, new roots…
    Thank you for honouring my blog by following. It’s been my pleasure to have been “found”, as I gained a much desired place to both learn and practice my Italian reading skills.
    I’ll follow closely.

  5. I have to admit, with a red face, that I have never read of him before, but I will search out his work now. I smiled at his quote. Thank you for visiting my much more humble and simple blog. Love your profile photo, (so did Bob, he thinks he is a wolf.)

    • Maria, thank you! Please not red faces here! That’s why I am writing about him. Many have not idea he existed. However Movies have been made from his writings and he won every literary award (included the Nobel Prize). It is great that from now on you know about him!!
      Say hi to Bob…

  6. misterk3

    Bello quest’articolo 🙂

  7. My family members all the time say thaat I am asting myy time here at net, however I know I am
    getting eperience everyday by reading such good posts.

  8. I’m not that much of a internet reader to be honest but
    your blogs really nice, keep it up! I’ll go ahead and bookmark your site to
    come back down the road. Cheers

  9. Thank you a lot for sharing this with all people you
    really understand what you are speaking about! Bookmarked.
    Please also discuss with my web site =). We could have a
    hyperlink trade arrangement among us

  10. Incredible! This blog looks exacty like my old one!
    It’s onn a entirely diffsrent subject but it haas pretty
    much the same layout aand design. Outstanding choice
    of colors!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s